Cercare e trovare il tuo Psicologo a Legnano

Tu sei qui

Psicologo a Legnano

I ritmi di vita odierni, lo stress, le condizioni ambientali e sociali, spesso e volentieri conducono a momenti di incertezza o smarrimento. Ormai ogni giorno le persone si ritrovano a vivere episodi apparentemente incomprensibili che tradiscono un malessere diffuso, come per esempio le crisi di pianto improvvise. Questo come altri sintomi, se portati all’attenzione di uno specialista, possono rivelare problemi di ansia dannosi per la persona. Affrontarli al fianco di uno psicologo a Legnano è uno dei modi migliore per vivere serenamente.

Ansia come sconfiggerla e riconoscerla

Tra i sintomi più facilmente riconducibili all’ansia ci sono sia quelli fisici come tremori, aumento del battito cardiaco e sudorazione, che quelli psicologici come nervosismo, mancanza di concentrazione o problemi legati alla memoria. Per combattere questi stati di agitazione si può ricorrere a varie tecniche di respirazione, che servono per riacquisire padronanza di sé, oppure correggere la propria dieta, riducendo il consumo di sostanze eccitanti come la caffeina o la teina.

Perché rivolgersi a uno psicologo?

Se non curata l’ansia può facilmente condurre a problematiche sempre più gravi, che possono turbare la quiete della persona interessata, come gli attacchi di panico notturni. Prima di giungere a episodi di sonno disturbati è buona precauzione contattare chi si occupa ogni giorno di ansia e stress. Una semplice seduta conoscitiva con uno psicologo può aiutare a comprendere quale sia il problema e come affrontarlo nel modo migliore, senza ricorrere a soluzioni fai da te e dando il giusto peso a una patologia sempre più diffusa. Non sottovalutare l’ansia, rivolgiti a uno specialista!

Latest blog posts

Prenota la Tua Visita online

Contattaci per prenotare un colloquio o richiedere Informazioni

RICHIEDI UN CONSULTO

© Copyright 2017 - Tutti i Diritti riservati  - Dott.ssa Luciana Tamagni – P.IVA: 06693110964

Privacy Policy | Cookie Policy

Adeguato al GDPR 2018