Quando rivolgersi ad uno psicologo: a Legnano contatta la nostra sede

Tu sei qui

Ancora oggi si tende spesso ad etichettare le persone quando si rivolgono ad uno psicologo, non è raro ascoltare qualcuno che invita a “non ingigantire i problemi perché andare in terapia è da matti”.

Questo, chiaramente, può indurre una persona ad evitare di affrontare un disturbo per il timore di sentirsi diversa, inadeguata rispetto agli altri. Oppure può portarla a minimizzare i problemi, e a sottovalutare le future conseguenze, accettando così di vivere con disturbi come la depressione che condizionano fortemente la vita delle persone. Quando, invece, rivolgersi ad uno psicologo potrebbe migliorare la situazione.

Quando chiedere aiuto

È chiaro che, a differenza dei sintomi fisici, quelli che riguardano la sfera psichica sono più difficili da cogliere. Quando è il momento di rivolgersi ad uno psicologo? Come si fa a capire se un malessere è il segnale solo transitorio di un periodo stressante o indica qualcosa di più profondo?

Si può dire che è il caso di contattare un professionista quando ci si trova in una situazione di disagio che limita le normali attività quotidiane, sia personali che sociali e lavorative. O quando si provano sentimenti come ansia o tristezza, senza motivo, la cui intensità è ingiustificata rispetto alla situazione reale che si vive. Oppure quando si inizia ad evitare situazioni, persone o luoghi per paure che appaiono ingiustificate.

Decidere di rivolgersi ad uno psicologo non vuol dire essere deboli, bensì è il segno che si ha la forza di riconoscere un problema e di affrontarlo. Di volersi mettere in discussione e diventare più consapevoli di se stessi.

Se credi di aver bisogno dell’aiuto di uno psicologo a Legnano, qui puoi trovare tutti i contatti.

Prenota la Tua Visita online

Contattaci per prenotare un colloquio o richiedere Informazioni

RICHIEDI UN CONSULTO

© Copyright 2017 - Tutti i Diritti riservati  - Dott.ssa Luciana Tamagni – P.IVA: 06693110964

Privacy Policy | Cookie Policy

Adeguato al GDPR 2018